Vessazioni su moglie e figlio, 56enne arrestato ad Acerra

Vessava moglie e figlio. Per questo un 56enne è stato arrestato dai carabinieri di Acerra in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Nola su richiesta della procura. Come emerso dalle indagini dei carabinieri di Acerra, i comportamenti violenti sarebbero iniziati nel luglio 2017 sia nei confronti della moglie, 54enne, che del figlio 34enne. L’arrestato è stato portato nel carcere di Poggioreale.

Fonte da qui

Acerra, scarcerati i responsabili del disastro ambientale

Acerra, scarcerati i responsabili del disastro ambientale. Il Vescovo: “Umiliante”
Sono stati scarcerati dopo soli dieci mesi (rispetto a una condanna iniziale a 7 anni) i tre fratelli Pellini, acerrani, responsabili di disastro ambientale. L’ingente sversamento illecito di rifiuti speciali, nelle campagne tra Acerra, Bacoli e Qualiano, ha provocato danni forse irreparabili al territorio. La Corte d’Appello ha ridotto la pena in virtù dei tre anni d’indulto, commutando la pena restante in servizi sociali. A riportare la notizia è il Mattino. Insorgono le associazioni in difesa del territorio, soprattutto ad Acerra, dopo anni di battaglie. Per domani è prevista una manifestazione di protesta all’esterno del tribunale partenopeo.“

 

continua a leggere dalla fonte

Pistole cariche nella bara da esposizione: arrestato il titolare di un’agenzia funebre

Pistole cariche nella bara da esposizione: arrestato il titolare di un’agenzia funebre

Le pistole erano nascoste in una scatola per cialde di caffè a sua volta occultata all’interno di una bara da esposizione. Cinque armi, con caricatori, alcuni riforniti di proiettili: è quanto ha scoperto la squadra mobile di Acerra in un blitz effettuato presso il titolare di un’impresa di pompe funebri.

Gli agenti di polizia avevano prima perquisito il domicilio dell’uomo, un 49enne, poi si sono spostati alla sua azienda. Il titolare dell’impresa funebre non è riuscito a spiegare la provenienza della pistole, che sono state tutte sequestrate.

 

fonte

 

“Visitate subito nostro figlio”: infermiere e dottoressa aggrediti in pronto soccorso

“Visitate subito nostro figlio”: infermiere e dottoressa aggrediti in pronto soccorso

Momenti concitati, ieri sera, nel pronto soccorso della clinica Villa dei Fiori ad Acerra. Delle persone pretendevano una visita urgente al pronto soccorso, non ottenendola hanno aggredito un infermiere ed una dottoressa, rompendo il naso al primo con un cellulare.

Gli aggressori sono due uomini e due donne, del Rione 219 di Pomigliano d’Arco. Avevano accompagnato un 14enne – aveva una distorsione – provando a saltare la fila. L’alterco con un infermiere è quindi degenerato, e dopo la violenza hanno peraltro chiesto di essere refertati perché “aggrediti”.
fonte

Acerra: blitz nella casa dei botti illegali. Fermata una coppietta

Un vero e proprio blitz contro i botti illegali. Dopo quello di mercoledì scorso, con la denuncia di un 50enne, questa volta è toccato ad una coppietta. Ecco cosa è stato sequestrato. Un 32enne ed una 28enne finiscono agli arresti domiciliari. 360 chili di botti illegali rinvenuti in casa. L’operazione è stata portata a termine dai carabinieri della tenenza  Casalnuovo insieme ai colleghi di Pomigliano D’Arco. Dopo un’accurata attività investigativa, è stato effettuato un blitz nell’appartamento della coppia, su cui già gravava più di un sospetto. L’azione fa parte di una vasta operazione proprio a (…)
Continua la lettura su: Linea Press